22 Marzo Mar 2017 1702 7 months ago

GRANPIEMONTE teatro dei Campionati Italiani 2017

Dal 23 al 25 giugno saranno assegnati i titoli nazionali su strada: “Crediamo molto in questa regione ed abbiamo fatto sistema con RCS e gli enti coinvolti” – dice il Presidente Di Rocco

Piemontetrico22marzo2017

Torino (22/3) - Oggi presso la Sala Einaudi del Centro Congressi, nel cuore di Torino, sono stati presentati i Campionati Italiani strada e crono 2017 rivolti alla categoria professionisti, donne Juniores ed élite (crono ed in linea), juniores e allievi maschi (crono) con l’importante abbinamento del settore paraciclismo, uomini e donne con ben 19 categorie al via.

Grande soddisfazione per il Presidente della Fci Renato Di Rocco: “La regione Piemonte, terra che ci ha donato grandi campioni del ciclismo, continua nella sua missione di promozione del ciclismo di alto livello. Poter legare al GranPiemonte, una tra le più belle classiche italiane, nonché corsa storica giunta alla sua 101esima edizione, i Campionati Italiani è per la Federciclismo motivo di orgoglio. Sarà un Piemonte tricolore che accoglierà e, grazie alla legge delle sue strade, assegnerà la Maglia di Campione Italiano a tutte le categorie: dai professionisti alle donne élite e juniores per la prova in linea e a cronometro a cui si aggiungono le categorie juniores e allievi maschili per la prova contro il tempo.

Sul tracciato del Gran Piemonte anche il Campionato Italiano di Paraciclismo, in linea e a cronometro, di tutte le categorie. Un accostamento che è una novità assoluta e che segue quello dei campionati italiani donne con i professionisti lo scorso anno a Boario. Questo per finalizzare i grandi risultati degli atleti paralimpici e dare loro una vetrina importante per poter promuovere l’attività come richiamo per altri giovani. Un settore che continua a regalarci grandi soddisfazioni internazionali: alle sole Paralimpiadi di Rio 2016 sono state ben 12 le medaglie conquistate tra cui cinque ori olimpici.

Siamo pronti, quindi, alla sfida Tricolore in una terra dalla profonda tradizione ciclistica che oltre ad aver dato i natali a campionissimi come Girardengo e Coppi, ricordando Balmamion, a cinquant’anni dalla sua vittoria tricolore, fino al giovane azzurro Felline, per citarne alcuni, e che ha visto la nascita di una delle prime grandi aziende di bici italiana, la Frejus ed ha accolto tappe del Giro d’Italia, edizioni storiche della Milano-Torino e, naturalmente, il Gran Piemonte, continua a dare lustro al ciclismo italiano attraverso una profonda sintonia con il proprio territorio. Una sfida tricolore anche per RCS dal punto di vista organizzativo che contribuirà al successo di questa edizione dei Campionati Italiani”.

Piemontetricolore CT Nizzolo Assessore Di Rocco

I percorsi dei campionati italiani sono stati svelati sotto l’occhio attento e tecnico dei CT Cassani, Salvoldi e Fabio Triboli, vice del Ct Mario Valentini.

Per il coordinatore delle Nazionali, Davide Cassani, quello tricolore è “un percorso esigente. La salita della Serra da Chiaverano è abbastanza difficile, sia in lunghezza di circa 5 km, sia perché ripetuta quattro volte. Al Giro del 2013 qui rimasero in pochissimi corridori ed è quindi un circuito per corridori veramente in forma. I velocisti non potranno giocarsela” ed il CT ha aggiunto che se dovesse dire qualche nome direbbe Ulissi, Rosa ed il piemontese Felline.

Dello stesso parere il CT del settore femminile, Edoardo Salvoldi: “Il percorso non lascerà spazio a sorprese riguardo al nome della vincitrice in particolare nella categoria élite, come è giusto che sia: la campionessa tricolore sarà l’atleta che meglio rappresenta il movimento. Ci tengo a sottolineare – conclude il CT Salvoldi – che è assolutamente un bene dare seguito a quanto già fatto da RCS e Federciclismo e cioè abbinare il settore femminile, che è in salute, con le gare dei professionisti. Questo ci permette di crescere sempre di più”.

Fabio Triboli, vice del CT del settore paralimpico e plurimedagliato a Rio2016, Mario Valentini ha evidenziato come il percorso sia: “Impegnativo per gli atleti, ma abbinare il campionato italiano paraciclismo ad una vetrina così importante è per il nostro settore uno stimolo ed una grande motivazione”.

Il campione italiano in carica, Giacomo Nizzolo, sorridendo e dopo aver visto il percorso afferma: “Quest’anno non credo faccia per me! E’ giusto che sia data la possibilità ad altri tipo di corridori. Questo percorso premierà, secondo me, il corridore di fondo che si difenderà bene in salita. Farò il possibile per onorare la Maglia Tricolore e mi auguro che il vincitore 2017 possa onorarla al Tour de France”.

Ufficio Stampa FCI

IL PROGRAMMA DELLE GARE

  • Venerdì 23 giugno - Cronometro uomini pro’; cronometro donne élite e juniores + crono paralimpiche tutte le categorie uomini e donne
  • Sabato 24 giugno - Cronometro uomini juniores, allievi maschile e femminile + prova in linea paralimpici
  • Domenica 25 giugno - Campionati assoluti in linea maschile e femminile + donne juniores

ALTRE DICHIARAZIONI


Piemontetricolore Ferrarisdirocco

Giovanni Maria Ferraris, Assessore allo Sport della Regione Piemonte, ha dichiarato: “Abbiamo scommesso sui territori per i Campionati Italiani di Ciclismo 2017, lavorando in stretta sinergia con RCS Sport, la Federazione Ciclistica Italiana, gli enti locali, le realtà economiche e le associazioni sportive e investendo energie, risorse e tanta passione. Oggi presentiamo il risultato di questo impegno, frutto di un grande sforzo affrontato con gioia nella consapevolezza che il Piemonte ha tutte le carte in regola per essere non solo la patria del ciclismo, ma anche la casa dello sport. Grazie a questi ingredienti consegniamo una grande occasione, che è anche opportunità, per mostrare le nostre risorse e bellezze naturali e insieme i nostri talenti e le nostre eccellenze. Abbiamo vinto la scommessa del binomio sport-territorio, permettendo al ciclismo di fare da protagonista. Ma non ci fermiamo qui: continueremo a lavorare per dimostrare che il Piemonte è davvero terra di sport e di passione”!

Piemontetricolore Ferrarisbalmamionnizzolo

“L’aggiudicazione dei Campionati Italiani di Ciclismo è un motivo di orgoglio per un ambito sportivo che ha nel nostro territorio anche una rilevante manifattura di settore. Il Piemonte è, infatti, la terza regione italiana, dopo Lombardia e Emilia Romagna, per numero di imprese produttrici di biciclette (75), aumentate nell’ultimo quinquennio del 10,3% – ha osservato Vincenzo Ilotte, Presidente della Camera di commercio di Torino –. Dai Campionati ci aspettiamo anche un successo in termini di ritorni economici indiretti che sistematicamente arrivano dagli eventi sportivi. Lo sappiamo dal nostro Osservatorio Alberghiero che, per fare un esempio recente, in occasione di Juve-Porto dello scorso 14 marzo, ha registrato il 92,8% di camere occupate”.

Paolo Bellino, Direttore Generale RCS Sport, ha sottolineato come: “Il rapporto con la Regione Piemonte e tutto il suo territorio è ormai consolidato da tempo. Lo dimostrano le tante manifestazioni che RCS Sport ha portato e porta in questa splendide terre. L’arrivo del Giro d’Italia a Torino e le tappe sulle montagne che hanno fatto la storia della Corsa, il torneo Preolimpico di Basket, le tappe della Color Run e questa grande manifestazione che è il GranPiemonte. Siamo convinti che lo sport sia un traino importante per l’aggregazione e lo sviluppo del territorio. Per questo siamo certi che ci saranno ancora tanti progetti da sviluppare insieme”.


Mauro Vegni, Direttore Area Ciclismo RCS Sport, ha dichiarato: “Quest’anno per gli ottimi rapporti che ci legano alla Federazione Ciclistica Italiana abbiamo chiesto di avere i Campionati Italiani. Il progetto è ambizioso perché prevede tre giorni di gare e coinvolge praticamente tutte le categorie e i Campionati degli atleti Paralimpici in zone diverse di questo splendido territorio che è il Piemonte. Come RCS Sport e come primi organizzatori italiani abbiamo l’obbligo morale di sostenere il movimento ciclistico e per questo abbiamo accettato la sfida. Sono convinto che saranno tre giorni di grande spettacolo e di grande passione che coinvolgeranno tantissimo pubblico lungo le strade che attraverseremo”.